Nato a Portomaggiore (Ferrara), il 28 Ottobre 1979.

Fin dalla prima infanzia passava ore a riempire di colore dei mini-libri, sui quali erano riprodotti, in semplici contorni neri, animali, fiori, oggetti e piccoli paesaggi; matite colorate, pennarelli, colori a cera, tutto andava bene, la scelta dei colori però era sempre orientata verso quelli più vivaci. Negli anni della scuola elementare continuò la passione del colorare figure senza colore, però ciò che cambiò, fu la tecnica, migliaia di puntini colorati, uno vicino all’altro, ricoprivano semplici figure dal contorno nero e l’intero sfondo bianco, tutto il foglio veniva riempito, se guardato da lontano era un armonico intreccio di colori, ma osservato da vicino sembrava essere, come in una serena e profonda notte, la via Lattea, ma non d’argento, bensì spruzzata di mille colori.

Verso l’adolescenza il colore fu dimenticato, iniziòla passione del ricopiare disegni, la preferenza andava quasi sempre a copertine o a piccoli particolari di fumetti, c’erano ombre, c’erano luci, ma tutto era sempre bianco e nero.

Piano, piano tra gli schizzi tracciati durante qualche gita, presero forma disegni di scorci di natura o di qualche borgo antico e silenzioso, talmente silenzioso che non aveva colore, eppure guardandoli si poteva immaginare...,pensare...sognare...
Il tempo dei pennarelli era finito, il tempo della matita nera doveva essere superato, era il momento di dare inizio all’uso dei pennelli e a nuovi colori, non per dimenticare, ma per rendere più speciale la realtà che ci sta intorno.
Ci vollero parecchi mesi per convincersi ad intraprendere questo nuovo cammino, ma alla fine il colore è diventato il suo miglior mezzo di espressione. Il suo carattere introverso e libero non accetta vincoli di imposizioni o suggerimenti didattici, lontano il più possibile da lui lo “sforzo delle proporzioni,, ma il suo colore nasce dal profondo, dove nascono sogni , desideri e speranze.